DI CECILIA FASCIANI

SINOSSI

La famiglia di Mauro e Silvia viveva una vita tranquilla, normale, senza troppi pensieri. I loro figli crescevano felici e circondati da persone che regalavano loro amore ogni giorno. Fino al 6 aprile 2009, quando la vita di tutte le persone della città dell’Aquila è stata stravolta. Dopo mesi di discussioni, decidono di mandare i figli a vivere in un’altra città, nella speranza di dare loro un futuro migliore. Tommaso ha 17 anni, Cecilia 14, ma accettano anche loro di riiniziare una nuova vita lontano da casa. Mauro e Silvia dovranno invece restare a L’Aquila, c’è tanto lavoro da fare. Non sarà facile per nessuno di loro andare avanti, lontani gli uni dagli altri, lontani da quell’amore che ti fa sentire protetto e invincibile. Ma è proprio grazie a quell’amore che riusciranno a ritrovarsi, a ricomporre i pezzi di auree spezzate, che un tempo erano solite volare.

NOTE DI REGIA

Il corto documentario nasce da un bisogno personale della regista di rielaborare un lutto, quello di dover andar via di casa prima del dovuto, di dover lasciare tutte le proprie certezze e ricominciare in una nuova città, con il proprio fratello maggiore. Il concetto di “Broken halos” ruota attorno all’idea di una famiglia spezzata, che non riesce più “a volare”, perché le si sono spezzate le ali, perché ha perso i propri punti di riferimento. Mauro fa il muratore, e lavora mattina e sera per portare avanti la sua attività. Silvia è una maestra delle elementari, e dedica le sue giornate al suo lavoro di insegnante, ai suoi alunni e alunne, tutti figli di un trauma che li tormenterà a vita. La loro vita, il loro amore sconfinato per i propri figli e la propria città, le loro speranze e le loro paure, la loro forza di rialzarsi smuovendo macerie dentro e fuori, sono i punti di interesse che si è voluto far emergere. Ma soprattutto si è voluto sottolineare la forza di due genitori in grado di lasciar andare i propri figli, cercando di non far mai mancare la loro presenza, ma dicendo loro di non voltarsi indietro.

SCHEDA TECNICA

  • Regia: Cecilia Fasciani
  • Soggetto e scrittura: Cecilia Fasciani
  • Direttore della Fotografia: Valérie Hubert
  • Montaggio: Davide Sabatini, Matteo Mabilia
  • Produzione: Giovanni Fania, Cecilia Fasciani
  • Produttore: Giovanni Fania
  • Suono: Marco Camilli
  • Musiche: Luca Somigli
  • Comunicazione grafica: Matteo Mabilia
  • Paese di produzione: Italia
  • Anno di produzione: 2017
  • Durata: 8’
  • Genere: Documentario, Sociale
  • Lingua: Italiano
  • Sottotitoli: Inglese

MOVIE CAREER

  • Alessandria Film Festival 2018, Italy (Official Selection)
  • Concorso Trofeo “La Lanterna” 2018, Italy (Official Selection)
  • Premio Fausto Rossano per il Pieno Diritto alla Salute 2018, Italy (Semi-Finalist)
  • Cinemì Cinemà International Short Film Festival 2018, Italy (Official Selection)
  • Strano Film Festival 2018, Italy (Official Selection)
  • Escamontage a corto – Film Festival Itinerante 2018, Italy (2nd place)
  • XXI Mediterraneo Video Festival 2018, Italy (Official Selection)
  • 15° Sedicicorto International Film Festival 2018, Italy (Official Selection – Cortoinloco section)

 

CECILIA FASCIANI

BIOGRAFIA

Nata ad Avezzano il due giugno 1995, cresciuta a L’Aquila. Fotografa e documentarista, ha studiato per 3 anni fotografia tra Bologna e Londra, con esperienze di fotoreportage sociale e documentario sul campo, per poi studiare l’arte del documentario alla London Film Academy, dove ha scritto e diretto il suo primo cortometraggio “The Militant”. Al momento studentessa all’Università di Bologna, lavora sulla scrittura e la regia dei propri progetti. Il suo primo lungo documentario sarà rilasciato a febbraio 2018.

FILMOGRAFIA

  • Marzo 2017 – The Militant
  • Agosto 2017 – Broken Halos
  • Novembre 2017 – Notte d’aprile